Secondo il metodo Montessori, esistono ben 10 principi da seguire per educare e insegnare. Lo scopo è veder crescere bambini felici, autonomi e sicuri di sé 

(photo credits: ciaomamme.it)

Ti sarà capitato spesso di notare che, nonostante tanti sforzi, i bambini non apprendano correttamente quanto impartito specialmente dagli educatori scolastici. Avrai anche notato che questo problema si verifica in ogni fase della crescita: al nido, all’asilo, a casa e in classe durante le Elementari, è piuttosto frequente il verificarsi di storie di mancato apprendimento da parte dei bambini.

Non è un fenomeno che si manifesta solo a scuola, ma anche a casa: molti genitori presentano qualche difficoltà nel gestire i propri piccoli all’interno dei normali processi educativi.

Nonostante infatti una quantità incredibile di stimoli, giocattoli e strumenti elettronici, molti educatori si lamentano del fatto che i bambini appaiano annoiati e indifferenti.

Il risultato è un mancato processo di apprendimento che sfocia nell’unico interesse possibile: bambini disinteressati, dispersivi, tristi. L’unico interesse sembra essere quello dei videogiochi.

Per ovviare al problema, molti genitori iscrivono i propri figli a laboratori e ad istituti parascolastici, nella speranza di fornire loro quel bagaglio di conoscenze e di nozioni, fondamentali presupposti di una crescita sana. In questo modo, non si fa che peggiorare la situazione, perchè i bambini non sono robot ma persone. 

Bambini felici. E’ questo il primo obiettivo.

Quando un bambino è felice, apprende con più facilità e disinvoltura. 
Questa è una regola che vale a casa come a scuola.

Bambini felici e correttamente stimolati nella giusta maniera imparano alla velocità della luce, diventano persone responsabili e consapevoli delle proprie capacità così come dei propri limiti.

A confermare questa grande verità è Maria Montessori : è stata un’educatrice, pedagogista, filosofa, medico, neuropsichiatra infantile e scienziata italiana, internazionalmente nota per il metodo educativo che prende il suo nome, adottato in migliaia di scuole materne, primarie, secondarie e superiori in tutto il mondo.

Secondo il metodo Montessori, ci sono 10 principi ai quali scuola, educatori e genitori possono ispirarsi affinché i bambini apprendano e crescano in condizioni di felicità.  

Analizziamoli insieme:

1) Ambiente e ordine
I bambini apprendono meglio in un ambiente ordinato. Il consiglio è di creare sezioni diverse in uno scaffale dove riporre libri, puzzle e giocattoli. È utile scegliere come contenitori ceste e cestini da posizionare ad altezze facilmente raggiungibili dai bambini.  

2) Movimento e apprendimento
I bambini hanno bisogno di impegnarsi in attività che richiedano un utilizzo libero e spontaneo delle mani, come ad esempio la classica scena in cui egli impara ad impilare dei cubetti di legno l’uno sull’altro. In questa fase, il piccolo è concentrato sulla riuscita del suo progetto. Non è solo un gioco ma sta apprendendo l’arte della concentrazione e della coordinazione. 

3) La libera scelta  
I bambini imparano molto di più e assorbono più informazioni quando vengono lasciati liberi di compiere le proprie scelte. Questo non implica il fatto che possono fare quello che vogliono senza regole. L’educatore deve ispirare i piccoli a diventare capaci di scegliere la cosa giusta da fare. In questa fase, il bambino acquisisce autonomia e sicurezza di sé.

4) Stimolare interesse
I bambini dovrebbero avere a disposizione libri diversi e materiali con cui dar vita a nuovi piccoli oggetti fatti a mano, disegni e piccoli capolavori. In tal modo, fantasia e creatività vengono stimolati appieno. 

5) Le ricompense
Premi e punizioni non sono uno strumento per educare i bambini alla felicità. La ricompensa più autentica per il bambino è rappresentata dall’aver appreso autonomamente qualcosa grazie alla propria curiosità e alle proprie forze. L’essere riuscito a completare un puzzle, a versare l’acqua nel bicchiere o a travasare una piantina rappresenta di per sé un premio sufficiente a farlo crescere felice e sicuro di sé.

6) Attività pratiche
Le attività pratiche stimolano il bambino a prendere piena consapevolezza di sé e ad acquisire autonomia, indipendenza e concentrazione. Ciò contribuirà ad un più efficace apprendimento durante i successivi anni di scuola.

7) Gruppi con bambini di età differenti
E’ meglio preferire che i piccoli stiano in gruppi con bambini di età diverse perché ciò costituisce uno stimolo all’apprendimento. Ad esempio i bambini più piccoli saranno incuriositi da ciò che fanno i più grandi e chiederanno loro delle spiegazioni. A propria volta i grandi saranno felici di insegnare ai piccoli ciò che sanno fare e che hanno già imparato.  

8) Il contesto
I bambini apprendono prima e meglio se l’educatore ricorre ad esempi concreti che prevedono anche attività pratiche. Il semplice ascolto non produce un’esperienza immersiva da parte del bambino che può facilmente dimenticare il messaggio che gli è stato impartito.

9) Il ruolo dell’insegnante  
L’insegnante non è solo colei che impartisce lezioni, ma ha il ruolo di dirigere e di agevolare le attività dei bambini attraverso un coinvolgimento diretto e concreto nelle attività dei bambini. In tal modo, le lezioni diventano più divertenti e meno aride. 

10) Indipendenza e autodisciplina
Occorre incoraggiare i bambini a sviluppare indipendenza e autodisciplina, aiutandoli a riconoscere da soli le proprie passioni e inclinazioni.

I bambini sono naturalmente attratti dalle attività che hanno degli obiettivi finali chiaramente definiti. Amano sentirsi utili agli occhi dei genitori ed è per questo che il loro contributo ai lavori domestici può essere importante.

Per questo, secondo il Metodo Montessori, è importante che i bambini fin da piccoli imparino i lavoretti di casa.

Il Mondo dei Piccoli è la scuola dell’infanzia Made in Taranto completamente ispirata al metodo montessoriano.

Nel nostro Istituto, i piccoli scolaretti sono bambini felici che apprendono e si relazionano in base alle proprie attitudini, capacità e limiti. Sono costantemente monitorati da educatrici qualificate che li aiutano a sviluppare la propria personalità e a fare proprie nozioni e conoscenze fondamentali per crescere in modo consapevole, sano e pieno.

Il Mondo dei Piccoli ha tutte le caratteristiche di una scuola ad ispirazione Montessoriana con grandi spazi verdi, strutture gioco concepite per offrire il massimo dell’esperienza e ambienti a misura di bambini felici.

Su prenotazione, i nostri uffici sono a disposizione per ogni ulteriore informazione.

Chiama al 3393062972 oppure scrivici utilizzando il seguente form di contatto:

* I campi contrassegnati con asterisco sono obbligatori